Rifrazioni letterarie

Rifrazioni letterarie nasce dall'esigenza di trovare uno spazio editoriale per contributi che offrano spunti di riflessione sugli incroci tra lingue e culture diverse che si sono inverati, nello scorrere dei secoli, nei testi letterari. La collana si propone come luogo di incontro di lavori di studiosi italiani e stranieri che hanno per oggetto l'analisi avanzata di testi letterari in prospettiva comparatistica. L'idea di fondo cui la collana si ispira è, dunque, quella che si incentra sul concetto di una Letteratura che non sia più mortificata nelle ristrette maglie dell'abusato concetto di 'letterature nazionali'. Si intende offrire, in tal modo, uno spazio di dibattito culturale in cui far confluire i metodi e le ricerche sulle molteplici strategie rappresentative testuali in prospettiva cronotopica. Intertestualità, sconfinamenti, prestiti interdisciplinari, prospettive diacroniche e sincroniche, specularità asimmetriche, identità rizomatiche, interazioni plurilinguistiche di codici espressivi, rapporti tra forme letterarie e forme artistiche, pensiero storico e filosofico, rappresentano alcune delle chiavi di lettura della storia e del pensiero che i metodi della comparatistica contribuiscono a sviluppare. La Letteratura, infatti, è in grado di offrirsi quale stimolante strumento interpretativo del mondo, proponendosi quale fonte inesauribile e terreno fertile di percorsi e prospettive che restano ancora da tracciare.

Politica di revisione
Per la loro pubblicazione i testi sono valutati dal Comitato scientifico e sottoposti ad un sistema di revisione paritaria e anonima.
 

Direttori

  • Laura Restuccia
  • Giovanni Saverio Santangelo

Comitato scientifico

  • Federico Bertoni
  • Nicolas Bonnet
  • Enrica Cancelliere
  • Paolo Carile
  • Christian Del Vento
  • Pasquale Guaragnella
  • Franco Marenco
  • Anna Maria Scaiola