Interpretare per tradurre

Appunti di traduttologia semioantropologica

Autore: Mario G. Giacomarra

Seleziona formato


ISBN: 978-88-31919-99-9


ISBN: 978-88-31919-98-2

L’ambito di riflessione e di pratica che usa chiamarsi Traduttologia, con i contenuti di cui è depositario, deriva dal modo francese (Traductologie) di intendere la scienza della traduzione. Una scienza di recente introduzione, in realtà, se è solo a partire dagli anni Settanta del Novecento che nascono e si sviluppano nuovi e articolati orientamenti che nei paesi anglosassoni si fanno rientrare nel quadro dei Translation Studies. A guardar bene, più che una scienza al singolare, la traduttologia può esser considerata una interdisciplina in cui convergono tratti di diverse scienze sociali e umanistiche, dall’informatica alla letteratura comparata, dalla linguistica alla semiotica, dalla sociologia all’antropologia.
Nella specifica prospettiva sociosemiotica che qui adottiamo la traduttologia fa riferimento al complesso di saperi intesi a studiare le trasformazioni semiotiche connotanti il passaggio dal “prototesto” al “metatesto”, pur tenendo ben distinti la pratica e il processo traduttivo. In quest’ottica le trasformazioni prese in esame riguardano distintamente la traduzione intralinguistica e quella interlinguistica, la intersemiotica e la intertestuale, la traduzione metatestuale, la intratestuale e la intestuale.

Pubblicato nel mese di febbraio 2019

N. di pagine: 114