Il negativo del linguaggio: una questione etico-politica

Autori: Mauro Serra

Seleziona formato


ISBN: 978-88-5509-156-5


ISBN: 978-88-5509-157-2

Oggetto di una rimozione quasi sistematica, l'ambigua relazione tra linguaggio e violenza torna periodicamente ad interrogare la tradizione di pensiero occidentale e le categorie con cui essa interpreta la realtà. Prendendo spunto da alcuni fenomeni (post-verità, hate speech, etc) che sembrano caratterizzare, sul versante comunicativo, l'attuale crisi della democrazia, il libro si propone di tornare alle origini di questa stessa tradizione, per ritrovarvi tanto la nascita di certi schemi di pensiero ormai dati per scontati, quanto la possibilità di formularne di nuovi ed alternativi. Ribaltando la prospettiva dominante, l'intreccio tra linguaggio e violenza è considerato un tratto costitutivo dell'esperienza umana, di cui la retorica, interpretata come un'antropologia del conflitto verbale, fornisce a tutt'oggi la spiegazione migliore di cui disponiamo. Nonché quella che meglio ci aiuta a delineare il compito che, allora come ora, attende il cittadino democratico: sublimare la violenza.

Pubblicato nel mese di giugno 2020

N. di pagine: 193